Matter 1.0, forse ci siamo (quasi)

Nella conferenza “Works With” organizzata da Silicon Labs, le grandi aziende come Google, Samsung e Arm si sono incontrate per fare il punto della situazione sullo standard Matter. Insieme alla Connectivity Standards Alliance è stato definito come periodo di lancio questo autunno della versione Matter 1.0

Ricordiamo che Matter è lo standard software creato dalla Connectivity Standars Alliance, per rendere questo tipo di dispositivi, il più compatibile possibile. Le società di questa alleanza, quindi, si impegneranno in futuro per garantire il supporto di Matter nei prodotti domotici.

Matter 1.0, forse ci siamo (quasi)

Lo standard IPv6 si appoggerà su Wi-Fi e Thread, e probabilmente anche Ethernet. I dispositivi saranno quindi compatibili con questi standard. Questo standard permetterà ai dispositivi compatibili di essere certificati una sola volta. Inoltre non ci si dovrà più preoccupare del proprio ecosistema: tutti supporteranno Matter.

Uno standard unico permetterà anche un lavoro più efficace da parte degli sviluppatori, che potranno comunque inserire ugualmente caratteristiche specifiche uniche riguardanti il proprio ecosistema.

Matter 1.0, forse ci siamo (quasi)

Matter 1.0

Nella prima versione di questo protocollo saranno inclusi sensori semplici, luci, prese e interruttori vari. In un secondo momento saranno implementati dispositivi per la gestione energetica e i sistemi di trasmissione video. Insomma potrebbe essere più complicato del previsto gestire dispositivi più complessi. Anche l’integrazione con diversi ecosistemi potrebbe essere un passaggio più problematico del previsto. Problemi che saranno probabilmente risolti in futuro, ma attualmente nel cosiddetto Matter 1.0 questo non è previsto.

Il problema non è software, perché Matter sarà in grado di creare più “nodi” per lo stesso dispositivo, precisamente NOC, Nome Operational Certificates. Ogni NOC apparterrà ad un ecosistema diverso, come Amazon Alexa , Apple HomeKit o altro. Molti sviluppatori stanno lavorando proprio a questa integrazione di diversi NOC nello stesso prodotto.

Questo autunno, come già anticipato, potrebbe essere già disponibile il Matter 1.0 per i prodotti più semplici. Ancora non esiste una data precisa, ma con un (piccolo) passo alla volta ci si sta avvicinando all’integrazione più completa.

1 thought on “Matter 1.0, forse ci siamo (quasi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.