Sonoff Mini, piccola e pratica novità

DomoticaPromozioneRecensione

Written by:

Sonoff Mini è la piccola novità in casa iTead ora in promozione ad un prezzo allettante, pratico come il già recensito Sonoff Basic, molto più compatto e forse un po’ meno versatile.
Utile per chi necessita di compattezza e semplicità di utilizzo.
Compatibile con la versione Basic è davvero semplice e immediata l’installazione.

La confezione, come per tutti i prodotti della stessa famiglia è compatta e minimale
All’interno sono presenti:
il Dispositivo Sonoff Mini WiFi Switch DIY,
il Jumper per impostare sulla scheda del dispositivo la modalità DIY,
una guida di installazione sintetica che include anche la lingua italiana.

Per quanto riguarda l’hardware il chip è presente l’ESP8285, che praticamente è l’ESP8266 con 1MB di memoria FLASH.
Tramite la modalità DIY, accessibile tramite il Jumper, sarà possibile aggiornare anche il firmware, compatibile anche con Tasmota.

Per ora resta un esercizio di stile e il programma per controllare questa modalità è ancora in fase embrionale : aggiornerò il sito in seguito, quando il tutto avrà un senso.

Collegamento Sonoff Mini

Il collegamento, come visualizzato nell’immagine qui sopra, risulta davvero semplice ed immediato.
In pratica fra S1 e S2 deve essere collegato un interruttore o un deviatore: niente di più facile.

Invece per quanto riguarda il software, si può benissimo gestire dall’APP eWelink, esattamente come tutti i prodotti Sonoff, e quindi possibile controllare con Google Home, Amazon Alexa e, attraverso il servizio IFTTT anche con Siri e Cortana.
Per la configurazione vi rimando ai seguenti articoli:

Configurare Sonoff con Alexa

Configurare Sonoff con Google Home (Google Assistant)

Configurare Sonoff con Siri

Configurare Sonoff con Cortana

Il prodotto, come sempre, è presente su Amazon ed è anche in offerta approfittatene.

55 Replies to “Sonoff Mini, piccola e pratica novità”

  1. ROBERTO RIGANELLI ha detto:

    non riesco a capire come funziona….. ma… se spengo l’interruttore che ho sulla parete (ho solo un interruttore di comando) posso poi accendere da wifi? o da dove accendo devo spegnere? devo forse sostituire l’interruttore con un pulsante? perchè se così non fosse non capisco proprio come possa funzionare.

    • Redazione ha detto:

      In pratica, l’interruttore funzionerà tranquillamente come prima, in più avrai la funzionalità smart : da applicazione smartphone, e dai sistemi compatibili (Alexa, Google, etc..)

      Dove avrai la scatola con l’interruttore, avrai la fase (L rosso, nello schema in alto) e un filo Neutro (N, blu) , è più facile di quello che sembra.

      Accendi e spegni dove vuoi: se accendi o spegni da wifi puoi spegnere o accendere dall’interruttore.

      Questa versione del Sonoff funziona esclusivamente con gli INTERRUTTORI e non con i pulsanti.

      Grazie per il post e chiedi pure se hai altre perplessità 😉

      • Gualberto ha detto:

        Ciao, il sonoff mini funziona anche come pulsante è molto semplice, se il pulsante collega un relè si può inserire in parallelo ai pulsanti di casa semplicemente. Di norma negli impianti il pulsante comanda il relè tramite un comando di neutro, per inserirlo bisogna fare così:
        A N2 va portata la Fase e a L1 va portato il neutro (cioè vanno montati al contrario. Poi si prende L2 e si porta al relè o ad un pulsante sul contatto di chiusura del Neutro. Dall’App eWeLink va programmato un tempo di accensione di mezzo secondo e il sonoff mini funziona benissimo come pulsante. Ci comando tutti i pulsanti che ho in casa. Unico difetto che da App non si può sapere se la luce è accesa o spenta, e se si usa Alexa o Google bisogna dire di accendere la luce anche per spegnerla, o fare un routine per eliminare il comando accendi, ma mettere semplicemente Alexa, luce ingresso ed avere un comando che accende o spegne.

        • Redazione ha detto:

          Ciao 🙂
          Esattamente! Grazie per la testimonianza.
          Purtroppo il problema più grave sarebbe proprio quello che hai descritto alla fine. Dato il costo irrisorio di questi dispositivi si può sperimentare anche una strada alternativa più completa.

          Grazie per aver postato! 🙂

    • Marco ha detto:

      Confermo la domanda di Roberto, se l’interruttore è posto in “chiuso” forzerò la chiusura ma se poi con la app posso cambiare lo stato dell’uscita l’interruttore per cambiare lo stato dell’uscita dovrà aprirsi? Capirei l’uso di un pulsante. Quindi?

      • Redazione ha detto:

        Ho gia risposto : funziona con interruttore (e non pulsante) , e se cambia lo stato dall’interruttore, lo cambierai anche all’interno del sonoff.

        Faccio un esempio : accendi con l’app sello smartphone , spegni con l’interruttore, accendi con interruttore e spegni tranquillamente con lo smartphone o alexa che sia.

        Come vedi dallo schema in alto l’interruttore si collega direttamente al sonoff mini e cambia stato a prescindere che sia chiuso o aperto.

        Spero di aver risolto il tuo dubbio, grazie per il post 😉

        • Luca ha detto:

          Ciao ragazzi sono Luca ho un problema se accendo il mini dall’app o da alexa non si spegne dall’interruttore e viceversa se accendo e spengo tutto dall’interruttore allora funziona ma non in modalità mista . È rotto il sonoff e devo sostituirlo?

          • Redazione ha detto:

            Ciao!
            Se hai eseguito bene tutte le connessioni, la tua rete e internet funzionano perfettamente, molto probabilmente c’è qualcosa che non va nel sonoff.
            Prova magari a ‘resettarlo’.
            Ma è sempre stato cosi, o è successo tutto d’un tratto?

            Grazie comunque di aver postato 😉

          • Luca ha detto:

            Ciao e grazie mille per la risposta , si è sempre stato cosi allora ne ho acquistato un altro ma anche questo non funziona in modalità mista ; via app va benissimo ma con l’interruttore misto ad app si accende ma non si spegne è come se perdesse lo stato in cui si trova . Ho misurato con il tester ed ho notato che quando accendo le luci con app su s1 e s2 ci sono 3,5 volt vado a spegnere con l’interruttore e su s1 e s2 risulta il corto dell’interruttore ma non spegne le luci , tra le altre cose il son off si è aggiornato da solo al firmware 3.13. Sarà una partita fallata? Anche perché i collegamenti sono banali per uno come me che so fare impianti elettrici. Grazie mille e buone feste.

          • Redazione ha detto:

            Scusa se ripeto le stesse cose, solo per essere certi: sei sicuro che hai eseguito bene le connessioni? tra s1 e s2 va SOLTANTO l’interruttore e basta, in pratica se si connettono s1 e s2 oppure se si “staccano” dovrebbe cambiare qualsiasi stato ci sia, a prescindere dal carico che hai messo.
            É giusto che ci sia 3,3v circa poiché s1 o s2 é un “pin” del microchip esp8266.

            Ho specificato perché di solito gli interruttori “normalmente” sono collegati alla corrente e alla luce/lampadina, invece per il sonoff va inserito direttamente su s1 e s2, molto probabilmente aggiungendo uno o due fili ad hoc.

            Altrimenti é davvero il sonoff a essere “fallato” anche se é molto strano due di fila.
            Fammi sapere, ciao 😉

          • Luca ha detto:

            Ciao Collegamenti ok anche perché sto concludendo la ristrutturazione e i fili dall’interruttore fino al sonoff li ho dovuti passare perché non c’erano proprio stessa cosa per l’interruttore . Ho sostituito 3 sonoff della stessa partita e tutti e tre danno lo stesso problema . Per eccesso di scrupolo ho ricontrollato i fili nuovi dell’interruttore mi son detto magari nella scatola di derivazione li ho scambiati ma è tutto ok . A questo punto li rimando in dietro e passo all’R3 , dovrò fare la modifica ma almeno funzionerà. Perscrupolo oggi voglio passare un cavetto unipolare dall’interruttore al sonoff mini , fosse la sezione del filo e la lunghezza del cavo a fare da resistenza anziché un corto? Ti faccio sapere. Ciao Luca

          • Luca ha detto:

            Ragazzi HO RISOLTO il problema NON è la sezione del filo utilizzato ma la distanza del sonoff mini dall’interruttore. Le prove che ho fatto sono: Ho sostituito il filo da 1,5 mm di sezione con una coppia ricavata da un cavo di rete ma a poco più di 3 metri non c’era nulla da fare , in accensione/spegnimento mista/o interruttore e applicazione l’interruttore perdeva lo stato ho provato ad accorciare il cavetto a 50cm dal sonOff mini giusto per fare una prova e finalmente ha funzionato allora ho provato con circa 2 metri di cavetto ed ha funzionato poi a 2,5 metri di distanza del sonoff mini dall’interruttore ed è tornato il problema , per fortuna che tra la mega scatola di derivazione dove ho concentrato tutti gli alimentatori e il sonoff ho un’altra scatola di derivazione praticamente sopra all’interruttore , ho piazzato il sonoff li ed ora funziona perfettamente. Mi chiedo se su un impianto di deviate lungo un corridoio il sonoff mini te lo dai ai denti altro che va bene anche per una serie di deviatori e invertitori. Rimando ad Amazon gli altri due mini e prenderò dei sonoff basic r3 che però dovrò modificare ma almeno non avrò problemi di questo tipo. grazie ragazzi e spargete la voce cosi altri non dovranno sbattere la testa contro … i sonoffmini
            Ps: ho le pareti in cartongesso e la scatola degli interruttori è poco profonda non è come la 503 dove ci infili di tutto. Ciao Luca

          • Redazione ha detto:

            Benissimo, grazie mille per la testimonianza! Molto probabilmente modificherò anche l’articolo, io sottovalutavo questo aspetto perché li avevo sempre installati quasi nei pressi degli interruttori.

            Grazie ancora per aver postato 😉

          • Pasquale ha detto:

            Ciao, anch’io sto avendo questo problema. ho collegato un sonoff per farlo funzionare da deviatore, ma a volte va ed altre no. invece con l’app va sempre. ed effettivamente ho fatto passare un cavo abbastanza lungo. mi sa che devo cambiare soluzione.

          • Redazione ha detto:

            Grazie mille anche per la tua testimonianza e grazie per aver postato 😉

          • Carrara ha detto:

            Ciao, se i cavi sono molto lunghi basta inserire un condensatore tra S1 ed S2 per non degradare il segnale con la lunghezza del cavo, ricordati che lavorano a 3,3V. Percui il Sonoff mini funziona anche su distanze lunghe

  2. claudio ha detto:

    I’interruttore e’ sempre il 220v classico e non un 12?
    Ovvero, se volessi cominciare a lavorare su lampade con un solo punto luce, posso farlo tranquillamente?

    Sapere se ci sono dispositivi in caso di punti luce controllati tra 3 punti (2 deviatori + 1 invertitore) e due punti luce (2 deviatori)?

    Grazie mille

    • Redazione ha detto:

      Certo la 220v passa dalla lampadina (o dispositivo simile ) come vedi nello schema, attraverso i due fili , la fase L e in neutro N.
      Nell’interruttore che deve essere inserito fra s1 e s2 non passa nessuna corrente (meglio dire che non passa la 220v), infatti va collegato direttamente. Questo dispositivo infatti funziona con gli ‘interruttori‘.
      Per farlo funzionare con deviatori e invertitore bisogna modificare lievemente l’impianto, nulla di complicato, devi far si che tutti i deviatori interagiscano con s1 e s2 .
      Sul sito Sonoff https://sonoff.tech/product/wifi-diy-smart-switches/sonoff-mini è presente un esempio (3° disegno grande verso il basso) di come collegare un sonoff a due deviatori.
      Spero di esserti stato di aiuto. Grazie per il post 😉

      • Keni ha detto:

        Ciao, mi spiegheresti perché in S1 e S2 non passa alcuna corrente? Come si chiude il circuito per far accendere la luce?

        • Redazione ha detto:

          In pratica lo stato dello switch cambia in base al cambiamento di s1 s2 se vengono uniti fra loro o se si scollegano.

          faccio un esempio

          mettiamo che lo stato dentro lo switch risultasse spento
          e s1 e s2 sono aperti (scollegati fra loro) : se li unisci (s1 e s2) la luce si accende,
          allo stesso modo se invece risulta chiuso con s1 e s2 già “collegati” fra loro, la luce si accende se li separi.

          Se invece risultasse acceso :
          e s1 e s2 collegati fra loro : se vengono scollegati tra loro, lo stato si spegne

          invece se s1 e s2 sono scollegati fra di loro, unendoli cambia lo stato e il dispositivo si spegne.

          “non passa corrente” era un modo di dire poiché in s1 e s2 non è presente alta tensione.
          In realtà uno dei due é collegato ad un “pin” del esp8266.
          Il cambiamento dello stato di questo pin appunto accende o spegne il dispositivo collegato.

          Ecco perché il Sonoff Mini é adatto agli interruttori : perché in qualsiasi “posizione” si trova, in s1/s2, accende o spegne il dispositivo collegato.

          Spero di essere stato chiaro chiedi pure se hai dubbi, e grazie per il post 🙂

          ps:perdonami i vari refusi e il linguaggio: ho scritto al volo dallo smartphone 😉

        • Marco ha detto:

          Ciao a tutti, una domanda mi perseguita: ma se ho più interruttori che accendono una luce il sonoff dove lo devo mettere? Non devo metterne tre vero?

          • Redazione ha detto:

            Ciao,
            no, devi metterne solo uno, in una posizione intermedia, e come dimostrato anche dalle testimonianze dei commenti non deve essere molto distante dai vari interruttori.

            Grazie per aver postato 😉

  3. Gabriele ha detto:

    Salve, approdo qui dopo vari tentativi: collego il mini come nello schema “punto luce interrotto” ma mi salta il differenziale (l’impianto è di un anno fa). Ammetto che ho una differenza dallo schema: nella mia scatola è presente una presa con i tre fili (marrone giallo-verde blu) e l’interruttore con due fili neri (li ho testati con il cercafase, uno è sempre sotto tensione mentre l’altro solo quando premo l’interruttore). Prova1) Ho collegato quello sempre sotto tensione a line in e l’altro in line out, messo fili nuovi da S1/S2 al vecchio interruttore e il neutro al neutro della presa. Risultato: salta il differenziale… Prova 2) come prima ma line in l’ho portata dalla presa di corrente: quando attivo il sonoff salta il differenziale. EVIDENTEMENTE STO SBAGLIANDO QUALCOSA! Come fareste il collegamento? Grazie mille per qualsiasi indizio! PS. Ma il jumper devo installarlo? A che serve? G.O.

    • Redazione ha detto:

      Ciao e grazie per aver postato 😉

      In pratica, guardando lo schema :

      N in e L in è dove “entra” la corrente principale diretta senza interruzioni

      N in e L out è dove “esce” la corrente e va direttamente alla lampada o lampadina (o altro) (senza interruzioni e ne interruttori)

      S1 e S2 va solo all’interruttore e basta, e non deve passare nessun’altra corrente.

      Tu hai una presa, da li prenderai la corrente che di solito in un impianto a norma è:
      BLU il neutro (N in)
      Marrone la fase (L in)

      Uno due 2 fili neri dovrebbero andare alla lampadina, molto “probabilmente” sarà la fase.
      Ma dovresti comunque individuare quale sia il neutro e quale la fase,
      e questi vanno nel N in e L out.
      Molto probabilmente il neutro(BLU) è in comune con i cavi della presa.
      Dovresti vedere se insieme al filo nero che va alla lampada c’è un altro filo (molto probabilmente appunto il blu)
      Prima devi individuare perfettamente questi fili, non provare se non sei sicuro.

      Due cavi nuovi , invece, direttamente da s1 e s2 all’interruttore.

      Spero di essere stato chiaro, chiedi pure e grazie ancora per il post 😉

      • Gabriele ha detto:

        Innanzi tutto, Grazie!!! No, purtroppo non ci sono altri fili blu eccetto quello che arriva alla presa di corrente… Tra i due fili neri che arrivano all’interruttore direi che quello che “va” alla lampada (e non alla rete) sia quello che, testato con il cercafase non fa accendere la spia del cacciavite… Dalle tue indicazioni però ho forse un’idea dell’errore che posso aver fatto: aver messo il neutro in “out” e nell’in… Testo e ti aggiorno… Intanto grazie mille, sei stato gentilissimo!

        • Redazione ha detto:

          Figurati , diciamo che , come avrai capito, anch’io sono più “informatico” che elettricista 😉

          Esatto, nella fase che deve andare all’out in teoria non deve passare nessuna corrente all’inizio, poiché è quello che va direttamente alla lampadina.

          La dico terra terra , se unisci i due fili neri e la lampadina si accende, allora uno deve essere L in e l’altro L out, e il blu nelle due N in (uno deve essere il neutro della lampadina)

          Fammi sapere 😉

    • Stefano ha detto:

      Un motivo che ti potrebbe fare scattare il salvavita è che utilizzi per alimentare il sonoff il neutro prese e la fase luce.
      Nel centralino dell’appartamento avrai sicuramente due linee separate per luci (10 A di solito) e per le prese (16 A di solito).
      Se uno dei salvavita sente che la corrente che esce dalla fase non torna nel neutro scatta.
      Soluzione dovresti portare al sonoff in neutro che provenga dalla linea luci

  4. Gabriele ha detto:

    Aggiornamento: ho collegato il neutro nero (chiamiamo così il filo non sotto tensione) all’N in e la fase nera a line in. Il sonoff si accende ma quando chiudo il circuito da App… Le luci lampeggiano! (Tipo neon scarico, peccato siano led!)… Questa onestamente non me l’aspettavo… Continuo ad aggiornarti, se ti fa piacere ma non vorrei stressarti! Spero solo che possa essere semmai utile anche a qualcun altro! Grazie ancora per il confronto!

    • Redazione ha detto:

      Ripeto : non fare ‘esperimenti’ se non sai individuare perfettamente i fili.
      Il problema é solo quello : capire i fili della lampadina dove vanno.

  5. corrado ha detto:

    se ho capito bene non posso usarlo per azionare il comando dal cronotermostato e fan coil alla caldaia con s1 s2 .

  6. Paolo ha detto:

    Ho problema con mini sonoff
    Si accendono o si spengono da soli premetto non c’è ancora la rete

    • Redazione ha detto:

      Ciao,
      purtroppo ho pochi elementi per poter verificare qualcosa, prova a resettarlo e verifica bene le connessioni.

      Per poter funzionare egregiamente con l’applicazione eWelink, il sonoff necessita di una rete e di internet.

      Ciao e grazie per aver postato 😉

  7. Rudy ha detto:

    Ciao ma se ho 2 deviatori e N invertitori si può utilizzare questo prodotto?

  8. Simone ha detto:

    Ciao, una domanda: se lo inserisco in una 503 con schuko e interruttore (per comandare solo l’interruttore luci) ci possono essere problemi di surriscaldamento? La luce in questione rimane accesa un paio d’ore al giorno. Ho già verificato che nella 503 riesco ad alloggiarlo.
    Grazie
    Ciao

    • Redazione ha detto:

      Ciao! Non dovrebbero esserci problemi di surriscaldamento, se le connessioni sono eseguite perfettamente.

      Ciao e grazie per aver postato 😉

  9. Angelo ha detto:

    Ciao, con un impianto con deviatore, ci sono due fili che sono collegati tra i deviatori stessi. Vendendo lo schema su internet credo di aver capito che bisogna fare passare un terzo filo che ritorna al nini giusto?

  10. Claudio ha detto:

    Buongiorno
    Mi chiamo Claudio anche io come Luca ho avuto il solito problema , con 2 Sonoff mini ho scoperto il problema !
    Collegando come da schema due deviatori ( che si trovano ad una distanza tra loro di 10 mt) si verifica una perdita dello stato del Sonoff mini ( cioè da applicazione funziona benissimo come con Alexa ma con deviatori a volte funzione e avvolte no) , ma la distanza non è il solo problema in quanto le due uscite S1 – S2 del Sonoff mini per andare a collegarsi ai deviatori esistenti nel mio impianto, passano nelle guaine con altre line ( line prese linea emergenza ,ecc) le due line S1-S2 si caricano per induzione di una tensione bassissima ( misurata con strumento 0,01V potete provare con un cerca fase e vedrete che la lampadina del cerca fase si accende leggermente)
    Per ovviate a questo problema ho inserito tra i morsetti S1 – S2 del Sonoff mini un condensatore elettrolitico da 25V e16 microfared (rispettate la polarità + – sul Sonoff mini) questo rende la linea S1-S2 del Sonoff mini pulita da disturbi
    Io i condensatori li ho installati da due settimane è non ho avuto più problemi!!
    Spero di aver risolto il problema di altri che come me si sono sbattuti per risolvere !!
    Ciao
    E buon Fine Anno A Tutti con Sonoff Mini!!

    • Redazione ha detto:

      Perfetto! Grazie per la testimonianza!
      Buon Fine Anno anche a te e grazie mille per aver postato 😉

    • Mirko ha detto:

      Ho lo stesso problema, come hai collegato il condensatore ? dal morsetto s1 al cavo che va a uno dei deviatori ?
      Grazie mille

      • Claudio ha detto:

        I terminali del condensatore(elattrolitico 25V 16microfared) li devi collegare nei morsetti S1 S2 ( devi controllare la polarità + – con uno strumento ( non ricordo se S1 è + o -)

        • Mirko ha detto:

          Quindi ai morsetti s1 e s2 collego il condensatore e i cavi che arrivano dai centrali dei due deviatori ? per controllare la polarità devo usare il tester da elettricista ?
          Grazie mille di nuovo !!!

          • Claudio ha detto:

            Esatto fammi sapere se hai risolto!!!

          • Mirko ha detto:

            Non sono riuscito a trovare condensatori da 16 uF, li ho trovati da 45 uF, comunque funziona c’è qualche decimo di secondo di ritardo, tra la l’impulso dell’interruttore e l’accensione, ma funziona, grazie mille !!!

  11. Stefano ha detto:

    Un motivo che ti potrebbe fare scattare il salvavita è che utilizzi per alimentare il sonoff il neutro prese e la fase luce.
    Nel centralino dell’appartamento avrai sicuramente due linee separate per luci (10 A di solito) e per le prese (16 A di solito).
    Se uno dei salvavita sente che la corrente che esce dalla fase non torna nel neutro scatta.
    Soluzione dovresti portare al sonoff in neutro che provenga dalla linea luci

  12. […] Inutile spiegare ancora a cosa servono i Sonoff. Mi limiterò a dirvi che sono dei dispositivi che controllano le vostri luci e/o prese tramite il wifi, incluso nel loro microprocessore ESP8266 e attraverso un’applicazione con Alexa, Cortana, Siri o Google Assistant.Di Sonoff Basic ne ho parlato qui, mentre di Sonoff Mini in questo articolo. […]

  13. Canio ha detto:

    ho installato 4/5 Sonoff mini (impianto con deviatori, interruttori etc.) configurati e funzionanti sia da interrutture che da app solo che a volte spegnendo o accendendo dall’interruttore una luce (che magari non ha nenche il Sonoff) mi si accende o spegne un’altra che ha il Sonoff e così via. Mi potreste dare qualche dritta. Volevo solo aggiungere che il neutro della lampada non è stato collegato sul Sonoff (bisogna farlo per forza?). Potrebbe essere questa la causa? Grazie

    • Claudio ha detto:

      Buon giorno
      Nei morsetti S 1 S 2 devi installare un condensatore elettrolitico da 25 volt 16 microfared (rispetta il + – del condensatore ,controlla con un strumento sù S1 S2 ci sono circa 3,2 volt in corrente continua non ricordo sù quale dei due morsetti e il + o – ) Io li ho installati già da due mesi è non ho avuto più problemi
      Non è un discorso di neutri ma il problema si verifica perchè i fili che collegano i deviatori ai morsetti S1 S2 posando da corrugati con altre line e per induzione si caricano di una corrente ( molto bassa circa 0,01 Volt ) e questa provoca un disturbo allo stato del Sonoff Mini Il condensatore fa da filtro
      A casa mia ti ripeto avevo un problema analogo al tuo con i condensatori ho risolto
      Fammi sapere se facendo cosi hai risolto

      • Canio ha detto:

        Ciao Claudio e grazie per la risposta, ho messo dei condensatori da 25V e mi sembra 22 microfarad (quelli che mi hai detto tu non li ho trovati) S2 dovrebbe essere il +. Adesso dammi tempo una settimana per vedere se ho risolto e ti aggiorno.

        • Marco ha detto:

          Buongiorno a tutti, sarebbe possibile postare una foto del collegamento del condensatorr su s1 se.grazie mille

          • Claudio ha detto:

            Mi dispiace ma non so come inserire una foto in questa chat .
            Comunque il condensatore( elettrolitico 25 volt 16 mcrofared ) va collegato col terminale – nel morsetto S1 e il terminale + va collegato nel morsetto S2, in parallelo al’interruttore .

  14. […] articoli precedenti abbiamo visto come integrare i vari Sonoff Mini e Sonoff Basic all’interno dell’impianto elettrico di casa, con le dovute accortezze e […]

  15. […] non parlare dell’integrazione con i dispositivi, come Sonoff Basic, Sonoff Mini, Sonoff Touch e molti altri.Infatti tutti i dispositivi Sonoff possono essere tranquillamente […]

  16. Enrico ha detto:

    Ragazzi aiutatemi vi prego, avete un link di acquisto per il condensatore necessario per aggiustare i sonoff mini ho la casa che sta diventando il PAPETE.
    sto cercando il condensatore giusto ( condensatore elettrolitico 25 volt 16 mcrofared ) ma non lo trovo con le specifiche da voi descritte (non capisco niente di elettronica)
    Help please

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *