Sonoff Mini, piccola e pratica novità

DomoticaPromozioneRecensione

Written by:

Sonoff Mini è la piccola novità in casa iTead ora in promozione ad un prezzo allettante, pratico come il già recensito Sonoff Basic, molto più compatto e forse un po’ meno versatile.
Utile per chi necessita di compattezza e semplicità di utilizzo.
Compatibile con la versione Basic è davvero semplice e immediata l’installazione.

La confezione, come per tutti i prodotti della stessa famiglia è compatta e minimale
All’interno sono presenti:
il Dispositivo Sonoff Mini WiFi Switch DIY,
il Jumper per impostare sulla scheda del dispositivo la modalità DIY,
una guida di installazione sintetica che include anche la lingua italiana.

Per quanto riguarda l’hardware il chip è presente l’ESP8285, che praticamente è l’ESP8266 con 1MB di memoria FLASH.
Tramite la modalità DIY, accessibile tramite il Jumper, sarà possibile aggiornare anche il firmware, compatibile anche con Tasmota.

Per ora resta un esercizio di stile e il programma per controllare questa modalità è ancora in fase embrionale : aggiornerò il sito in seguito, quando il tutto avrà un senso.

Collegamento Sonoff Mini

Il collegamento, come visualizzato nell’immagine qui sopra, risulta davvero semplice ed immediato.
In pratica fra S1 e S2 deve essere collegato un interruttore o un deviatore: niente di più facile.

Invece per quanto riguarda il software, si può benissimo gestire dall’APP eWelink, esattamente come tutti i prodotti Sonoff, e quindi possibile controllare con Google Home, Amazon Alexa e, attraverso il servizio IFTTT anche con Siri e Cortana.
Per la configurazione vi rimando ai seguenti articoli:

Configurare Sonoff con Alexa

Configurare Sonoff con Google Home (Google Assistant)

Configurare Sonoff con Siri

Configurare Sonoff con Cortana

Il prodotto, come sempre, è presente su Amazon ed è anche in offerta approfittatene.

8 Replies to “Sonoff Mini, piccola e pratica novità”

  1. ROBERTO RIGANELLI ha detto:

    non riesco a capire come funziona….. ma… se spengo l’interruttore che ho sulla parete (ho solo un interruttore di comando) posso poi accendere da wifi? o da dove accendo devo spegnere? devo forse sostituire l’interruttore con un pulsante? perchè se così non fosse non capisco proprio come possa funzionare.

    • Redazione ha detto:

      In pratica, l’interruttore funzionerà tranquillamente come prima, in più avrai la funzionalità smart : da applicazione smartphone, e dai sistemi compatibili (Alexa, Google, etc..)

      Dove avrai la scatola con l’interruttore, avrai la fase (L rosso, nello schema in alto) e un filo Neutro (N, blu) , è più facile di quello che sembra.

      Accendi e spegni dove vuoi: se accendi o spegni da wifi puoi spegnere o accendere dall’interruttore.

      Questa versione del Sonoff funziona esclusivamente con gli INTERRUTTORI e non con i pulsanti.

      Grazie per il post e chiedi pure se hai altre perplessità 😉

    • Marco ha detto:

      Confermo la domanda di Roberto, se l’interruttore è posto in “chiuso” forzerò la chiusura ma se poi con la app posso cambiare lo stato dell’uscita l’interruttore per cambiare lo stato dell’uscita dovrà aprirsi? Capirei l’uso di un pulsante. Quindi?

      • Redazione ha detto:

        Ho gia risposto : funziona con interruttore (e non pulsante) , e se cambia lo stato dall’interruttore, lo cambierai anche all’interno del sonoff.

        Faccio un esempio : accendi con l’app sello smartphone , spegni con l’interruttore, accendi con interruttore e spegni tranquillamente con lo smartphone o alexa che sia.

        Come vedi dallo schema in alto l’interruttore si collega direttamente al sonoff mini e cambia stato a prescindere che sia chiuso o aperto.

        Spero di aver risolto il tuo dubbio, grazie per il post 😉

  2. claudio ha detto:

    I’interruttore e’ sempre il 220v classico e non un 12?
    Ovvero, se volessi cominciare a lavorare su lampade con un solo punto luce, posso farlo tranquillamente?

    Sapere se ci sono dispositivi in caso di punti luce controllati tra 3 punti (2 deviatori + 1 invertitore) e due punti luce (2 deviatori)?

    Grazie mille

    • Redazione ha detto:

      Certo la 220v passa dalla lampadina (o dispositivo simile ) come vedi nello schema, attraverso i due fili , la fase L e in neutro N.
      Nell’interruttore che deve essere inserito fra s1 e s2 non passa nessuna corrente (meglio dire che non passa la 220v), infatti va collegato direttamente. Questo dispositivo infatti funziona con gli ‘interruttori‘.
      Per farlo funzionare con deviatori e invertitore bisogna modificare lievemente l’impianto, nulla di complicato, devi far si che tutti i deviatori interagiscano con s1 e s2 .
      Sul sito Sonoff https://sonoff.tech/product/wifi-diy-smart-switches/sonoff-mini è presente un esempio (3° disegno grande verso il basso) di come collegare un sonoff a due deviatori.
      Spero di esserti stato di aiuto. Grazie per il post 😉

      • Keni ha detto:

        Ciao, mi spiegheresti perché in S1 e S2 non passa alcuna corrente? Come si chiude il circuito per far accendere la luce?

        • Redazione ha detto:

          In pratica lo stato dello switch cambia in base al cambiamento di s1 s2 se vengono uniti fra loro o se si scollegano.

          faccio un esempio

          mettiamo che lo stato dentro lo switch risultasse spento
          e s1 e s2 sono aperti (scollegati fra loro) : se li unisci (s1 e s2) la luce si accende,
          allo stesso modo se invece risulta chiuso con s1 e s2 già “collegati” fra loro, la luce si accende se li separi.

          Se invece risultasse acceso :
          e s1 e s2 collegati fra loro : se vengono scollegati tra loro, lo stato si spegne

          invece se s1 e s2 sono scollegati fra di loro, unendoli cambia lo stato e il dispositivo si spegne.

          “non passa corrente” era un modo di dire poiché in s1 e s2 non è presente alta tensione.
          In realtà uno dei due é collegato ad un “pin” del esp8266.
          Il cambiamento dello stato di questo pin appunto accende o spegne il dispositivo collegato.

          Ecco perché il Sonoff Mini é adatto agli interruttori : perché in qualsiasi “posizione” si trova, in s1/s2, accende o spegne il dispositivo collegato.

          Spero di essere stato chiaro chiedi pure se hai dubbi, e grazie per il post 🙂

          ps:perdonami i vari refusi e il linguaggio: ho scritto al volo dallo smartphone 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *